Induttivo - deduttivo

Il ragionamento deduttivo parte da un’affermazione generale, di tipo teorico, che si da per scontata (tutti i cani hanno 4 zampe, una coda e abbaiano), e giunge ad una conclusione specifica, di tipo pratico, (questo animale è un cane).

L’induttivo invece parte da un’affermazione specifica, di tipo pratico (ho davanti un animale con 4 zampe, una coda e abbaia), e giunge ad una conclusione generale, di tipo teorico (esiste quindi una categoria che chiamerò “cani”). Dal generale al particolare, dal particolare al generale.

Emanuele C.

 

Metodo deduttivo

Per deduzione si intende quel procedimento logico consistente nel derivare, da una o più premesse date, una conclusione che ne rappresenta la conseguenza logicamente necessaria.
 Seguendo il ragionamento deduttivo, si parte da una o più premesse teoriche di carattere generale, ed attraverso l'osservazione dei fenomeni si arriva a dedurre delle condizioni particolari che ne siano la logica conseguenza. 

Ecco alcuni esempi pratici:

·  gli Europei sono di razza bianca (1° premessa) - gli Italiani sono europei (2° premessa) - quindi, gli Italiani sono di razza bianca (conclusione).

·  Gli oggetti di vetro che cadono dal tavolo si rompono (1° premessa) - il bicchiere di vetro è caduto dal tavolo (2° premessa) - quindi si è rotto (conclusione).

·  Sapevo che avresti passato la serata o a casa o al cinema (1° premessa) - mi risulta che sei andato al cinema (2° premessa) - quindi non sei rimasto a casa (conclusione).
   In questo caso la premessa inespressa è la legge logica che in un'alternativa (o... o ...) se risulta vera una, l'altra deve essere falsa.

Seguendo questo tipo di ragionamenti logici di tipo deduttivo è possibile arrivare a stabilire delle correlazioni, delle conclusioni che ne escludano altre, oppure delle previsioni.
Uno dei pregi della deduzione è il fatto che consente di prevedere fatti non osservati, ma che devono necessariamente accadere se le premesse sono vere. La conseguenza logica, inoltre, permette di asserire false quelle conclusioni in cui una o più premesse risultino non vere.
Inutile ricordare - però - quanta importanza abbiano le leggi logiche a cui si fa riferimento ed affidamento: basta che una sola di esse sia inverificata o inverificabile, e tutto il castello costruito secondo il metodo deduttivo crolla miseramente.

 

Metodo induttivo

Per induzione si intende quel procedimento logico che consiste nel ricavare da osservazioni ed esperienze particolari i principi generali in esse implicite.
In questo metodo si procede all'osservazione di fatti, di informazioni, di eventi e casi particolari, ed attraverso di essi si arriva a formulare un'ipotesi che spieghi, che dia un senso logico di carattere generale ai fenomeni osservati. Si ricercano insomma i principi generali impliciti nell'osservazione del particolare.
Questo metodo ha origini storiche antiche e fu sostenuto da Bacone (sir Francis Bacon, il Filosofo inglese vissuto tra il 1561 ed il 1626): dipende dalla collezione di una vasta base di informazioni empiriche, su cui poggia la costruzione di una teoria esplicativa dei fenomeni.
L'indagine di tipo induttivo presuppone la ricerca di tutti (o della maggior quantità possibile) i casi in cui un fenomeno:

  1. avviene
  2. non avviene in condizioni in cui ce lo saremmo aspettato
  3. aumenta o diminuisce di intensità

   Oggi sappiamo che questo di per sé non è un metodo che - se usato da solo e senza alcun altro supporto - possa ritenersi scientifico: al massimo può essere il presupposto di un buon procedimento di ricerca, in quanto dalla comparazione dei dati ottenuti e schedati secondo i tre punti sopra esposti si può giungere alla formulazione di un'ipotesi passibile di verifica em-pirica.
 L'aspetto negativo consiste nel fatto che - normalmente e salvo rare eccezioni - ci si ferma all'osservazione induttiva, e le ipotesi che ne nascono vengono spesso assunte a verità, costruendo talvolta teorie mai verificate empiricamente.

Andrea F.

 

 

Documenti